testata per la stampa della pagina
/
  • Comunicato stampa del 27/11/2010
condividi

Partecipazione a rischio per le scelte dell'Autorità

Quarrata, 27/11/2010

L'Autorità per la Partecipazione regionale, sia per ragioni di "equità territoriale", che per promuovere la diffusione della cultura della partecipazione in tutta la Toscana, ha scelto di non finanziare nuovamente tutti quei soggetti che già hanno usufruito in passato del contributo regionale, per la realizzazione dei propri processi partecipativi sul territorio.
Il Comune di Quarrata fa parte di questi soggetti, avendo scelto quasi due anni fa di intraprendere un percorso partecipativo per la redazione del regolamento per la partecipazione e avendo ottenuto per questo  il finanziamento regionale.
Si tratta di una posizione chiara, assunta in modo fermo dall'Autorità per la partecipazione, prof. Lewanski, che esclude a priori e indistintamente tutti i comuni che hanno già ottenuto un finanziamento in passato, senza neppure entrare nel merito della proposta che il Comune di Quarrata o altri potrebbero presentare.
"Ho scritto al Presidente della Regione Enrico Rossi - ha dichiarato il sindaco Sabrina Sergio Gori - perché si tratta di una presa di posizione assurda e illogica, che non era contenuta in nessuno dei documenti sottoscritti dalle amministrazioni locali con il governo toscano. Anzi, fin dall'approvazione della legge regionale toscana sulla partecipazione, sempre è stata sottolineata la necessità di dare continuità alle azioni partecipative, affinché questo metodo diventasse alla lunga una prassi consolidata in Toscana.
Anche per questo sono convinta che escludere proprio le realtà, come Quarrata, che fin da subito hanno aderito e creduto alla partecipazione, metta invece fortemente a rischio la possibilità di dare "gambe" alla partecipazione, impedendo di darle continuità proprio nei territori più fertili da questo punto di vista."
"In un periodo in cui le amministrazioni locali hanno e avranno sempre più difficoltà perfino a mantenere i servizi essenziali per i cittadini (mensa, trasporto scolastico, asili nido, etc...) - ha continuato il Sindaco - non si può pensare che i costi della partecipazione possano ricadere solo sui Comuni. Di fatto questa scelta ci mette nell'impossibilità di attuare gli impegni col governo regionale e, soprattutto, l'impegno coi cittadini a proseguire sulla strada della partecipazione."

 

 
 

Comune di Quarrata

Via Vittorio Veneto, 2 - 51039 Quarrata (PT)
Codice Fiscale e Partita IVA: 00146470471

Codice Univoco Ufficio fatture elettroniche: UFNA32

Telefono 0573 7710
Fax 0573 775053
PEC: comune.quarrata@postacert.toscana.it