1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Testata per la stampa
  1. ritorna alla home page
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Vai alla mappa del sito
Contenuto della pagina

I Contributi allo studio

  1. Fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria
  2. Benefici individuali relativi al diritto allo studio
  3. Presentazioni delle domande
  4. Requisiti necessari
  5. Esclusioni
  6. Modalità per l'erogazione dei benefici
  7. A chi rivolgersi
 

Pubblicata la graduatoria definitiva degli ammessi ai benefici individuali per l'anno scolastico 2018/2019

 

Con Determina del funzionario n. 637 del 20/07/2018 è stata approvata la Graduatoria DEFINITIVA degli ammessiai benefici individuali del bando regionale.

 

Fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria

Sulla base della Delibera della Giunta Regionale della Toscana n. 494 del 04/06/2012 a partire dall'anno scolastico 2012/2013, spetta al Comune il pagamento per la fornitura dei libri di testo ai soli alunni delle scuole scuole primarie, sia pubbliche che parificate, residenti nel nostro Comune a prescindere dal reddito e dalla dislocazione della scuola frequentata.
Il costo dei libri di testo viene stabilito ogni anno dal Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca con apposito decreto.
Spetta altresi al Comune di residenza la spesa per la fornitura dei libri di testo speciali agli alunni non vedenti, residenti nel nostro Comune, in questo caso l'ufficio provvederà a rivolgersi a stamperie specializzati e all'adattamento dei testi.
Gli alunni frequentanti le scuole del nostro territorio comunale ma non residenti nel Comune di Quarrata, dovranno invece rivolgersi agli uffici dei rispettivi comuni di residenza.

Torna su.

Benefici individuali relativi al diritto allo studio

Lo Stato - al fine di rendere effettivo il diritto allo studio e all'istruzione a tutti gli studenti delle scuole statali e paritari e nell'adempimento dell'obbligo scolastico e nella successiva frequenza alla scuola secondaria superiore - con legge 10 marzo 2000, n. 62 ha adottato un piano straordinario di finanziamento alle Regioni, da utilizzare a sostegno della spesa sostenuta e documentata dalle famiglie per l'istruzione dei propri figli.   
Del pari la Legge regionale 32/2002 conferma un ampio raggio di azione delle politiche regionali per il diritto allo studio, volte a garantire pari opportunità di accesso all’istruzione scolastica rimuovendo ostacoli di ordine economico, sociale e culturale ed a perseguire il miglioramento della qualità e dell’ efficacia del sistema educativo nel suo complesso. In tale ambito si inserisce il sistema di provvidenze economiche individuali a carattere selettivo.
I beneficiari devono appartenere a nuclei familiaricon indicatore ISEE stabilito di anno in anno da un apposito Bando.
Il "pacchetto scuola " è destinato a sostenere le spese necessarie alla frequenza scolastica.

 
Torna su.

Presentazione delle domande

Il tempo utile per la presentazione della domanda è di un mese a decorrere dalla data stabilita dal Bando. Possono presentare la domanda volta ad ottenere il contributo per il rimborso totale o parziale del "Pacchetto scuola" le famiglie degli studenti residenti nel Comune di Quarrata iscritti ad una scuola secondaria di I o di II grado.
La domanda d’ammissione al bando deve essere inoltrata al Sindaco del Comune di Quarrata da parte di un genitore o da chi rappresenta il minore o direttamente dallo studente stesso se maggiorenne. Per l'anno scolastico 2018/2019, il termine ultimo per la presentazione delle domande è venerdì 8 giugno 2018, entro le ore 12:30.

Le domande si possono inoltrare:
- presentandosi direttamente presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, in Via Corrado da Montemagno 19: dal lunedì al venerdì in orario 8:30-12:30;  il martedì pomeriggio anche dalle  14:30 alle 17:30;  il sabato dalle 8:30 alle 12:00.
- con spedizione tramite posta all’indirizzo "Comune di Quarrata – Servizio Pubblica Istruzione, Formazione e Trasporti Integrati", Piazzetta E. Loi  2, 51039 Quarrata (PT)
- tramite posta elettronica certificata all’indirizzo comune.quarrata@postacert.toscana.it

In caso di invio della domanda per posta, farà fede la data di arrivo ed il Comune non si riterrà responsabile per eventuali ritardi o disguidi del servizio postale.

Ai fini della partecipazione al presente bando, la documentazione da presentare è:
- la domanda d’ammissione al bando;
- (solo nel caso in cui nel caso in cui la domanda non sia firmata in presenza del dipendente addetto) la copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità, in corso di validità.

Non è richiesta alcuna documentazione delle spese sostenute. Ttuttavia il richiedente è tenuto a conservarla per renderla disponibile nel caso di eventuali controlli.
Il richiedente la concessione “Pacchetto scuola” deve dichiarare qual è la situazione economica del proprio nucleo familiare, o IseeMinorenne nei casi previsti, come da attestazione ISEE, in corso divalidità, rilasciata in applicazione del D.P.C.M. n. 159/13.  E’ facoltà del richiedente allegare fotocopia dell’attestazione ISEE ai fini della speditezza amministrativa della fase istruttoria.
Se non in possesso dell’attestazione ISEE e con scadenza imminente dei termini del bando, il sottoscritto presenta la domanda allegando copia della ricevuta di presentazione della DSU. E’ infine possibile presentare la domanda facendo riferimento al valore ISEE CORRENTE dello studente, nel caso di possesso dell’attestazione ISEE CORRENTE in corso di validità alla data di scadenza del bando (si specifica che l’ISEE CORRENTE ha una validità di due mesi).
In caso di attestazione ISEE con annotazioni per omissioni o difformità, la domanda di ammissione al bando potrà essere accettata solo se entro il termine di scadenza di cui sopra il richiedente procederà secondo quanto previsto dall’art. 11 comma 5del D.P.C.M. 159/2013.
Non sono valide le domande con dichiarazione ISEE dalle quali non risulti il beneficiario del contributo.

 
 
Torna su.

Requisiti necessari

La concessione dei benefici è subordinata al possesso, da parte dei richiedenti, di alcuni requisiti specifici legati alla situazione economica effettiva quale emerge dall'attestazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) di cui al DPCM 159/2013.
L'ISEEè un sistema nazionale di determinazione del reddito che  èstabilito sulla base della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) e tiene conto dei valori reddituali, di quelli mobiliari, ed immobiliari del patrimonio, del numero dei componenti il nucleo familiare e degli altri criteri previsti dalla legge.
Per ottenere l'attestazione ISEE è possibile rivolgersi direttamenteall'INPS oppure ad un qualunque Centro Autorizzato di AssistenzaFiscale (CAAF) presente sul territorio comunale.
Nel bando è indicato il tetto massimo di ISEE previsto per l'annoscolastico di riferimento che per l'a.s. 2018/2019 è di Euro 15.748,78.

Il “Pacchetto scuola” può essere erogato in presenza dei seguentirequisiti:

a) requisiti economici: l’ISEEdel nucleo familiare di appartenenza dello studente, o ISEE Minorenne nei casi previsti, calcolato secondo le modalità di cui alla normativa vigente, non deve superare il valore di 15.748,78 euro;

b) requisiti anagrafici: residenza nel Comune di Quarrata, età non superiore a 20 anni alla data di scadenza per la presentazione delle domande (da intendersi sino al compimento del 21 esimo anno di età, ovvero 20 anni e 364 giorni).

I requisiti relativi all’età non si applicano agli studenti diversamente abili, con handicap riconosciuto ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992 n. 104 o con invalidità non inferiore al 66%.
Gli studenti residenti nel Comune di Quarrata e frequentanti scuole localizzate in altra regione contermini possono richiedere il beneficio al proprio comune di residenza, salvo che la regione nella cui scuola si è iscritti non applichi il principio di frequenza; in ogni caso il contributo delle due regioni non può essere cumulato.

Torna su.

Esclusioni

Sarà causa di esclusione dalla procedura del Bando:
- La domanda presentata o  arrivata  oltre il termine previsto del Bando;
- La domanda priva dei requisiti richiesti dal Bando;
- La domanda priva della documentazione richiesta dal presente Bando;
- La domanda priva della sottoscrizione del richiedente;
- La domanda per la quale non è determinabile il richiedente oppure lo studente a cui si riferisce;
- La domanda con dichiarazione Isee non conforme al DPCM 159/2013 ed all'art. 6 del Bando;
- La domanda  contenente dichiarazioni false o non veritiere.

Torna su.

Modalità per l'erogazione dei benefici

L'Ufficio Diritto allo Studio formula apposite graduatorie degli aventi diritto, in ordine crescente di reddito (valore ISEE di cui alDPCM159/2013) senza distinzione di ordine e grado di scuola, fino all'esaurimento dei fondi disponibili, con esclusione eventuale a partire dai redditi più alti. La graduatoria è  poi approvata e pubblicata.
 
I dichiaranti che hanno presentato domanda di partecipazione al bando possono inoltrare ricorso avverso tale graduatoria entro i 15 giornisuccessivi dalla sua pubblicazione. Il ricorso dovrà essereindirizzato al Comune di Quarrata – Servizio Pubblica Istruzione,Formazione e Trasporti Integrati, Piazzetta E. Loi 2 - 51039 Quarrata (PT).
In caso di invio della domanda per posta farà fede la data di arrivo. Anche a seguito dell'assegnazione effettiva delle risorse al Comune, verrà approvata la graduatoria definitiva dei beneficiarie trasmessa alla Provincia.
Non appena la Regione  e lo Stato liquidano al Comune le quote spettanti, l'Ufficio Diritto allo Studio provvede ad erogare il beneficio.

Il Comune eseguirà i controlli sulle autocertificazioni prodotte, ai sensi degli artt. 43 e 71 del DPR 445/2000 e secondo specifiche procedure  e modalità stabilite nei propri regolamenti, avvalendosi anche della Guardia di Finanza per la verifica delle dichiarazioni ISEE prodotte.
Nel caso  in cui risultino situazioni difformi da quanto dichiarato, sia rispetto alla dichiarazione Isee che agli altri dati dichiarati, il richiedente decade dal beneficio ed è tenuto alla restituzione di quanto eventualmente già percepito oltre all'applicazione delle norme penali per i fatti costituenti reato.

Torna su.

A chi rivolgersi

Per ogni altra informazione riguardante requisiti di accesso, condizionie modulistica, si rimanda al al Servizio Pubblica Istruzione (0573 771428).

Torna su.
  1. Home
  2. Il Comune
  3. Siti tematici
  4. La Città
  5. Il Comune Informa