testata per la stampa della pagina
/
  • Il Sindaco Mazzanti risponde a Fratelli d’Italia in merito alla qualità del pane e degli alimenti della ristorazione scolastica comunale
condividi

Quarrata, 11 settembre 2018
 

Il Sindaco Mazzanti risponde a Fratelli d’Italia in merito alla qualità del pane e degli alimenti della ristorazione scolastica comunale

 

Il Sindaco di Quarrata Marco Mazzanti risponde a Fratelli d’Italia in merito alla qualità del pane e degli alimenti della ristorazione scolastica comunale.

Intendo rispondere alle illazioni sollevate dal gruppo politico di Fratelli d’Italia in merito alla qualità del pane e degli alimenti della ristorazione scolastica comunale.
Innanzitutto una premessa: un politico di vecchio corso come Daniele Ferranti, espressione di un partito che oggi risulta alla guida del Comune capoluogo della nostra provincia, dovrebbe sapere che un conto sono gli obiettivi politici circa il perseguimento della qualità dei servizi e un altro conto sono le procedure di gara, rispetto al cui andamento ed esito la politica deve astenersi da ogni interferenza, pena compiere atti illeciti e illegali.

Ebbene, gli indirizzi politici sulla qualità del servizio di ristorazione scolastica sono chiarissimi ed espressi nella sede propria, ovvero nella delibera di giunta dello scorso 11 giugno, con la quale è stata approvato il progetto per l’affidamento della fornitura degli alimenti per il servizio di ristorazione. La giunta ha infatti approvato un progetto che, per le modalità di selezione delle derrate alimentari (e dunque anche per il pane) è esattamente identico al precedente, del 2014. Se c’è qualcosa di diverso nel capitolato 2018 rispetto a quello precedente, è nell’incremento delle richieste di prodotti i.g.p., d.o.p, biologici: solo per fare alcuni esempi sono stati richiesti frutta, ortaggi e legumi di sola produzione biologica, olio extravergine di oliva toscano i.g.p., pane, pasta secca e yogurt biologici, mortadella di Bologna i.g.p, prosciutto cotto italiano “Alta qualità”, Asiago, Pecorino Toscano e Grana Padano d.o.p., carne derivante soltanto da animali nati, allevati e macellati in Italia, in parte biologica, in parte Chianina o i.g.p. Quindi, qualunque siano le ditte aggiudicatarie della fornitura delle varie derrate, queste devono rispettare le richieste e gli standard di qualità espressi. Così è, ovviamente, anche per il pane.

Al progetto deliberato dalla giunta ha fatto seguito il bando di gara pubblicato sul Sistema Telematico Acquisti Regionale della Toscana (START), come prevede la legge. A fronte di un capitolato esattamente identico a quello del 2014, quest’anno si è aggiudicata la fornitura del pane una ditta di Ponsacco, invece che di Quarrata. Mi chiedo come Ferranti possa pensare che si potessero orientare gli esiti di un bando di gara e privilegiare un’azienda piuttosto che un’altra, senza incorrere nel reato di turbativa d’asta o in altri atti illeciti.

M
i preme inoltre puntualizzare un altro aspetto: proprio allo scopo di utilizzare, per quanto possibile, i prodotti tipici del nostro territorio, l’Amministrazione ha da tempo promosso la campagna “Chilometro Toscano” (Ponsacco mi risulta peraltro essere in Toscana…) che privilegia, appunto, le eccellenze del territorio regionale: dall’olio extravergine, alla carne Chianina. Seguendo il ragionamento di Fratelli d’Italia, non dovremmo utilizzare la carne Chianina perché prodotta fuori provincia. Per non parlare del Grana Padano…

Concludendo, a me sembra che, soprattutto per servizi come quello della mensa, un’Amministrazione debba soprattutto stare ad ascoltare gli utenti: per la ristorazione scolastica lo facciamo nel corso di tutto l’anno attraverso le nostre commissioni mensa e dall’anno scorso abbiamo inaugurato il sistema del “customer satisfation” - che ripeteremo anche il prossimo anno – e che ha mostrato come complessivamente l’87% delle famiglie abbia promosso il servizio di ristorazione scolastica comunale e, nello specifico, la voce circa qualità degli alimenti e degli ingredienti utilizzati sia stata giudicata positivamente da circa l’80% degli utenti”.  

MQ

Comune di Quarrata

Via Vittorio Veneto, 2 - 51039 Quarrata (PT)
Codice Fiscale e Partita IVA: 00146470471

Codice Univoco Ufficio fatture elettroniche: UFNA32

Telefono 0573 7710
Fax 0573 775053
PEC: comune.quarrata@postacert.toscana.it