testata per la stampa della pagina
/
  • Comunicato stampa -Intitolazione piazza e strade ai dispersi nel naufragio del Piroscafo Oria
condividi

Intitolazione piazza e strade ai dispersi nel naufragio del Piroscafo Oria

 

Quarrata, 7 febbraio 2014

 

E’ una storia che pochi conoscono, quella del Piroscafo Oria, una storia di lotta, reclusione e morte che non ha mai trovato finora un giusto riconoscimento.
Il 12 febbraio 1944, ormai 70 anni fa, il Piroscafo Oria affondò a sole 25 miglia a sud di Atene, provenendo da Rodi. Trasportava 4200 Internati Militari Italiani, condotti verso la prigionia dopo aver rifiutato di collaborare con i regimi nazifascisti dopo l’Armistizio.
Meno di 30 si salvarono, pochi ebbero una sepoltura e le famiglie non ebbero notizie sulla sorte dei loro cari per quasi settant’anni.
Solo grazie alle ricerche dei discendenti dei caduti è stato possibile ricostruire una lista, seppur parziale, degli imbarcati e risalire alle famiglie di circa 170 dispersi. Tra queste vi sono le famiglie di due dispersi, che erano a bordo della nave, originari di Tizzana: Domenico Ginanni e Benito Gradi.
La Giunta Comunale di Quarrata, con propria deliberazione, ha deciso di ricordare i due militari quarratini e tutti coloro che persero la vita in quel naufragio per aver rifiutato di prestare giuramento di fedeltà alla Repubblica di Salò, intitolando una piazza ai “Dispersi naufragio del Piroscafo Oria”, una via a Benito Gradi e una via a Domenico Ginanni.
La nuova piazza e le due vie si trovano in una nuova area di circolazione con accesso dalla via Larga.
E’ stata inoltrata richiesta di autorizzazione alla Prefettura per poter procedere all’intitolazione.

Proprio in questi giorni, in occasione del 70° anniversario del naufragio, sarà inaugurato in Grecia, a Saronikos, vicino al punto in cui affondò il piroscafo, un monumento alla memoria con una cerimonia a cui prenderanno parte anche i familiari delle vittime.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.piroscafooria.it

“Qualche tempo fa sono venuto a conoscenza di questa storia tramite un familiare di uno dei dispersi originari di Tizzana – spiega il Sindaco Marco Mazzanti. – Ne sono stato subito colpito, soprattutto per il fatto che si tratta di un evento così tragico caduto nell’oblio per circa 70 anni. Inoltre, l’impegno dei familiari per ricostruire i fatti e l’elenco delle vittime, che ha trovato nel web un canale di raccordo fondamentale, è davvero ammirevole. Appena si è presentata l’occasione di un’intitolazione ho pensato a questa storia, per poter ricordare due nostri concittadini scomparsi e rendere riconoscimento a tutti i dispersi nel naufragio, esempi di resistenza e dignità.”

 
 

Comune di Quarrata

Via Vittorio Veneto, 2 - 51039 Quarrata (PT)
Codice Fiscale e Partita IVA: 00146470471

Codice Univoco Ufficio fatture elettroniche: UFNA32

Telefono 0573 7710
Fax 0573 775053
PEC: comune.quarrata@postacert.toscana.it