testata per la stampa della pagina
/
condividi

Mensa scolastica e trasporto: le novità

 

Quarrata, 29/03/2011

 

I servizi scolastici sono considerati servizi primari da questa amministrazione che nel settore ha raggiunto livelli di gradimento altissimi e sinceramente incoraggianti. Nella predisposizione del Bilancio è stata posta un'attenzione particolare a questo settore ritenuto fondamentale dall'amministrazione , criterio condiviso  ed emerso sia dal percorso partecipativo "Contiamo tutti" che dagli incontri con le categorie sindacali.

Non volendo perciò "tagliare" servizi già strutturati e che sono diventati nel tempo una certezza per tante famiglie di Quarrata, abbiamo cercato di puntare ancora una volta sulla razionalizzazione dei costi del servizio, rimodulando le tariffe attraverso un sistema di calcolo che copra almeno in parte i costi fissi di gestione del servizio.
 
Prendiamo in esame la refezione scolastica: il costo degli alimenti per la preparazione di un pasto si aggira intorno ad 1,50-1,60 euro. Incide in modo  prevalente la gestione della mensa (spesa del personale, servizio di consegna alle sedi dei pasti, costi di gestione della cucina, lavaggio delle stoviglie, utenze ecc...). Tutto è organizzato e previsto in proporzione agli iscritti al servizio. Se un bambino non frequenta per 20 giorni la mensa grava comunque sui costi complessivi perché tutto è organizzato in base ad una sua ipotetica presenza. Sulla base di questo ragionamento è stato introdotto un nuovo metodo di calcolo della tariffa, che prevede una quota fissa mensile, alla quale va ad aggiungersi una quota a pasto consumato.

Dai calcoli fatti se un alunno frequenta in modo regolare il servizio, la famiglia pagherà addirittura un importo più basso rispetto all'anno precedente; mentre effettuando lo stesso calcolo su presenza sporadiche si verifica un leggero aumento. Per i mesi comunque a frequenza ridotta (settembre, dicembre, gennaio), per ragioni legate al calendario scolastico, sarà applicata anche una riduzione del 30% sulla quota fissa mensile.
E' stata poi eliminata per la mensa la quota di iscrizione al servizio ed è stato introdotto un criterio aggiuntivo per l'applicazione dell'ISEE. Questo criterio riguarda il possesso di beni di lusso: una famiglia con ISEE basso ma che possiede
- un autoveicolo di cilindrata pari o superiore a 75 KW, immatricolato dopo il 1° gennaio 2010;
- un motoveicolo di cilindrata pari o superiore a 500 cc. immatricolato dopo il 1° gennaio 2010;
- un'imbarcazione da diporto, un camper o roulotte, immatricolati dopo il 1° gennaio 2008non potrà usufruire di nessun tipo di agevolazione.

Si è ridotta la fetta degli esenti totali per la mensa (non pagheranno niente solo le famiglie entro i 2.000 euro di ISEE), mentre resta l'esonero totale su segnalazione dei servizi sociali e per i portatori di handicap in possesso di attestazione comprovante tale situazione, indipendentemente dal valore dell'attestazione ISEE.

Rimane l'agevolazione per cui, a partire dal terzo figlio iscritto al servizio di ristorazione scolastica,  l'importo della quota fissa mensile è ridotto del 50%.
Per quanto riguarda il trasporto scolastico sono state aggiornate le tariffe confermando la differenziazione tra un solo viaggio (andata o ritorno) o  due viaggi (andata e ritorno) con la ripartizione in 19 fasce (con fasce ISEE ogni 2.000 euro, da 0 a oltre 36.000 euro), prevedendo anche per le fasce più basse una contribuzione minima.
 
Per il servizio di trasporto scolastico si conferma la quota di iscrizione al servizio per un importo di 15,00 euro riducibile del 50% in caso di iscrizione allo stesso servizio a partire dal secondo figlio in poi. La quota di iscrizione al servizio sarà applicata a tutti ad eccezione di eventuali richieste di esenzione da parte dei Servizi Sociali.
 
L'Assessore Paola Milaneschi ha detto "Quest'anno abbiamo lavorato con molta attenzione ad elaborare un sistema di tariffe equo, che garantisse il parziale recupero delle spese fisse, e che non venisse a gravare sulle famiglie. Anche i criteri aggiuntivi che si applicano all'Isee riguardo ai beni di lusso credo che tutelino davvero le situazioni di reale fragilità garantendo trasparenza e giustizia"

 

 
 

Comune di Quarrata

Via Vittorio Veneto, 2 - 51039 Quarrata (PT)
Codice Fiscale e Partita IVA: 00146470471

Codice Univoco Ufficio fatture elettroniche: UFNA32

Telefono 0573 7710
Fax 0573 775053
PEC: comune.quarrata@postacert.toscana.it