testata per la stampa della pagina
/
condividi

Emergenza neve: un primo resoconto

Quarrata, 21/12/2010

Rispetto all'emergenza di questi giorni mi corre l'obbligo di spiegare quello che è successo e sta accadendo anche in queste ore.
C'è da dire che, anche se l'emergenza è stata segnalata, le previsioni sono state purtroppo ottimistiche rispetto alla situazione che poi si è verificata. Lo stato di emergenza è stato sottovalutato da tutti, sia da parte delle strutture di protezione civile che dei cittadini, tant'è che tutti ci siamo messi in viaggio contando su una nevicata di poche ore a cui avrebbe dovuto seguire la pioggia, che invece non è mai arrivata. Il caos ha quindi colpito prima di tutto le autostrade le strade a grande percorrenza e la rete ferroviaria e, a cascata anche tutte le realtà singole come anche Quarrata.
La macchina organizzativa si è quindi trovata di fronte ad una situazione ben peggiore di quella prospettata. Nonostante ciò, fin da mercoledì, cioè molto prima della nevicata, lo spargisale è stato caricato, pronto a intervenire in caso di necessità. Nella notte di giovedì si è iniziato a spargere il sale sulla viabilità principale della collina, spargendo complessivamente 6 quintali di sale.
Il mezzo spargisale ha ripreso poi l'attività venerdì fin dall'ora di pranzo, con la caduta della prima neve, intervenendo prioritariamente sui ponti e sulle salite, ovvero nei punti di maggior pericolosità per il transito delle auto.
Nel primo pomeriggio di venerdì a livello comunale è stato attivato il COC (Centro Operativo Comunale) per l'emergenza e i mezzi spalaneve hanno iniziato a liberare le viabilità principali, mentre il mezzo spargisale ha proseguito con le strade di collina, almeno fino alla tarda serata, quando è diventato difficile anche per i mezzi percorrere alcune viabilità più critiche. I mezzi hanno però proseguito sulla viabilità di pianura e, contemporaneamente, alcuni volontari hanno provveduto anche a liberare il più possibile le piazze centrali, per consentire condizioni minime di sicurezza per lo svolgimento del mercato settimanale.
Nonostante questo, nella giornata di venerdì numerosi sono stati gli interventi per rimuovere macchine bloccate in mezzo alla strada o uscite fuori strada, con grande dispendio di energie e di mezzi.
Nel corso della giornata di sabato si è proseguito con la pulizia delle strade, con priorità per quelle di collina, intervenendo però puntualmente anche rispetto a segnalazioni e a problemi di effettiva emergenza o urgenza (trasporto per visite mediche, pane e medicinali alla popolazione anziana). Lo stesso mezzo spargisale nella giornata di sabato ha girato per 18 ore, distribuendo sulle strade 118 quintali di sale, per evitare quanto più possibile o quanto meno ridurre la formazione del ghiaccio sulle strade.
C'è da dire che, nonostante questi interventi e come già indicato anche sul sito internet del Comune fin da venerdì e ribadito nei vari aggiornamenti web, in presenza di abbondanti nevicate come quella di venerdì non si può pensare di poter percorrere indistintamente tutta la viabilità comunale senza le catene o i pneumatici da neve, come se niente fosse accaduto. tant'è che l'indicazione era proprio quella di muoversi solo in condizioni di sicurezza.
L'ufficio e gli operatori hanno lavorato ininterrottamente fino alle ore 1.00 di domenica, per riaprire alle 7.00 del mattino seguente. Nella giornata di domenica è stato fondamentalmente il ghiaccio a creare maggiori disagi, ragion per cui il mezzo spargisale ha continuato a girare e intervenire sulle diverse segnalazioni. Contestualmente si sono finite di liberare, anche spalando a mano, alcune viabilità secondarie, i marciapiedi e gli accessi ai nidi comunali e, man mano, a tutte le altre scuole e alla sede della ASL. Abbiamo comunque deciso di chiudere, anche per la giornata di oggi, tutte le scuole per evitare il sovraccarico della viabilità in condizioni di non perfetta sicurezza, privilegiando la transitabilità per le effettive necessità (lavoro, etc...)
Questa mattina è stata definitivamente liberata e resa normalmente percorribile tutta la viabilità collinare ed sono stati eseguiti alcuni interventi specifici. La situazione risulta ora sostanzialmente ripristinata alla normalità. Rispetto a problemi e segnalazioni specifiche l'ufficio è stato comunque a disposizione anche oggi per l'intera giornata e lo sarà nuovamente domani per tutto il giorno.
E' ovvio che, come succede anche in tutte le realtà della montagna, ben più abituate e organizzate per far fronte a situazioni di questo tipo, in queste situazioni si chieda anche la collaborazione di tutta la cittadinanza, per risolvere le situazioni relative ai propri accessi e alle piccole situazioni di disagio contingenti. 
In totale sono stati distribuiti circa 300 quintali di sale, utilizzando almeno otto mezzi (uno spargisale e gli altri spalaneve) e impegnando complessivamente una cinquantina di persone fra dipendenti, operatori e volontari.
Indubbiamente però quella che per le realtà del nord e della montagna è una situazione che viene gestita e affrontata tranquillamente, sia da parte delle istituzioni che dei cittadini, qui crea non poche difficoltà. Per questo, e per il fatto che questi eventi stanno diventando sempre più ricorrenti, dobbiamo essere in grado di "fare informazione", non solo nell'emergenza, quando l'agitazione e talvolta il panico complicano ancora di più le cose, ma in modo preventivo.
Nei prossimi mesi e comunque prima del prossimo inverno, sarà quindi redatto un vademecum sul comportamento da tenere in queste situazioni. Rispetto a queste norme di comportamento, chiederemo la collaborazione di tutti affinché siano divulgate il più possibile e possano diventare prassi per tutti.

 

 
 

Comune di Quarrata

Via Vittorio Veneto, 2 - 51039 Quarrata (PT)
Codice Fiscale e Partita IVA: 00146470471

Codice Univoco Ufficio fatture elettroniche: UFNA32

Telefono 0573 7710
Fax 0573 775053
PEC: comune.quarrata@postacert.toscana.it